Back Cover
Look Inside
In offerta!

La ballata della storia. Musica e politica nell’Italia contemporanea

La musica ha avuto uno stretto rapporto con la politica italiana sia per buona parte dell’Ottocento, sia nelle successive fasi novecentesche.
In entrambi questi periodi, tuttavia, il carattere costituente dei fenomeni musicali rispetto alle forme della politica si è rivelato assai disorganico; la musica, in estrema sintesi, ha fatto gli italiani quasi a loro insaputa, dando il proprio contributo alla formazione di un’identità nazionale decisamente spaesata, contraddistinta da accese e colorate passioni, da enfasi retoriche e sentimenti di disperazione “popolare” che non hanno consentito di rintracciare nelle note un elemento di reale consolidamento del paese.
Ha ridotto così alla politica gli spazi della ragionevolezza e della riflessione ma non li ha occupati neppure con formule realmente unificanti sul versante dei sentimenti; vivere cantando è stato un tratto generale di stordimento e di confusione che ha inciso sulle scelte politiche degli italiani, decisamente più sensibili alla “pancia” che al cervello.

14,00  12,00 

Categoria:

La musica, uno dei linguaggi più politicizzati nella storia dell’Italia contemporanea, ha consentito agli italiani di parlare di politica quando era impossibile farlo con altri mezzi espressivi, contribuendo a definire il loro sentimento di appartenenza nazionale. Ma proprio per la sua pervasività, la colonna sonora delle vicende del nostro paese non è stata mai facilmente utilizzabile dalle diverse stagioni della politica come strumento di consenso mirato, risultando a lungo decisamente fuori controllo. In una simile contraddizione è rintracciabile la specificità del rapporto tra musica e politica italiana che questo libro ricostruisce con parole e immagini.

ISBN

978-88-99661-15-1

Formato

Cartaceo

Lunghezza

224 pagine

Dimensioni

14×20,5

Author

Alessandro Volpi

Publisher

La Vela